Sabato, 8 luglio 2017
Anno XIII • Luglio direttore Roberta Candus redazione@golfegusto.it
,
Da maggio a settembre i nuovi eventi Chef in Green &Sommelier in alcuni circoli prestigiosi dell'alta Italia
Edoardo Molinari, Matteo Manassero e Renato Paratore
sabato del 01/7
HNA Open de France, (montepremi 7 milioni di dollari), in corso di svolgimento sul percorso del Le Golf National di Parigi al secondo giro vede al comando una coppia al comando. Si tratta di Adrian Otaegui e Peter Uihlein, i migliori al termine di una giornata molto lunga con 134 (-8) lo spagnolo Adrian Otaegui (68 66) e lo statunitense Peter Uihlein (67 67) seguiti con 135 (-7) dall’inglese Tommy Fleetwood e dallo svedese Alexander Bjork. Al quinto posto con 136 (-6) gli inglesi Nathan Kimsey e Paul Waring, leader dopo un giro, e al settimo con 137 (-5) il belga Thomas Pieters e gli inglesi Ross Fisher e Graeme Storm. Lo spagnolo Jon Rahm ha lo stesso score di Bertasio, lo svedese Alex Noren è 28° con 140 (-2), il tedesco Martin Kaymer 49° con 142 (par) e il thailandese Thongchai Jaidee, campione uscente, 65° con 143 (+1).A metà pomeriggio infatti, il gioco è stato interrotto per un paio d’ore per pioggia e fulmini, con gli ultimi giocatori partiti che hanno potuto concludere il proprio round solo in serata. Non è stato così per Otaegui: lo spagnolo, dopo aver cominciato con un bogey alla buca 2, ha inanellato una serie impressionante di birdie, ben sei, tre dei quali consecutivi tra la 14 e la 16. Il suo giro in 66 colpi gli è valso un totale di -8 e la vetta della classifica. Chi invece è stato condizionato dal maltempo è stato Uihlein. L’americano era nel pieno del suo giro quando è arrivata l’interruzione, che non lo ha scomposto più di tanto: al ritorno in campo ha piazzato tre birdie consecutivi, tra la 13 e la 15, dopo i primi due delle prime nove, portandosi addirittura in testa. Alla penultima buca però, Uihlein ha realizzato il primo bogey del torneo trovandosi quindi in parità con Otaegui. Nino Bertasio, 18° con 139 (69 70, -3) colpi, si è mantenuto in alta classifica in questa seconda delle otto gare delle Rolex Series, qui al Golf National si disputerà la Ryder Cup 2018, a Guyancourt, nei pressi di Parigi in Francia. Ha recuperato otto posizioni Francesco Molinaßri, 38° con 141 (71 70, -1), mentre sono usciti al taglio Edoardo Molinari, 83° con 145 (73 72, +3), Renato Paratore, 106° con 147 (77 70, +5), e Matteo Manassero, 117° con 148 (75 73, +6).
Peter Uilheim un coleader

Nell Kia Classic (LPGA Tour, all’Aviara Golf Club (par 72) di Carlsbad in California , Cristie Kerr, Mo Martin e la coreana In Gee Chun sono al comando con 66 (-6) colpi , Hanno due colpi di vantaggio su un sestetto composto da Marissa Steen, Alison Lee, dalla francese Karine Icher, dalla thailandese Moriya Jutanugarn e dalle coreane Hyo Joo Kim e Mirim Lee (68, -8) . Giornata da dimenticare per la neozelandese Lydia Ko, campionessa uscente e numero uno mondiale, e per la thailandese Ariya Jutanugarn, numero due, 81.e con 74 (+2). Più indietro la canadese Brooke M. Henderson, 105ª con 75 (+3). Il montepremi è di 1.800.000 dollari . INFO

Il percorso Verdura Golf & Spa Resort l’European Tour è stato inserito nel calendario completo 2017 del circuito, già iniziato ai primi di dicembre con due eventi in Australia e Sudafrica. Saranno 48 le gare in programma con due tappe nella penisola. Oltre all’Open d’Italia (12-15 ottobre), inserito nelle prestigiose Rolex Series, ossia i sette eventi con un montepremi di almeno sette milioni di dollari, si svolgerà anche il Rocco Forte Open-Verdura (18-21 maggio) al Verdura Golf & Spa Resort, nei pressi di Agrigento, con in palio un milione di euro.
Sarà la seconda gara in continente del tour, che la settimana precedente approderà in Portogallo, dopo i primi mesi dell’anno trascorsi in Australia, Sudafrica, Cina, Malesia, India, Emirati Arabi e Marocco. L’European Tour torna quindi al Verdura Golf & Spa Resort, dove nel 2012 si è svolto il Sicilian Open che ha lanciato il danese Thorbjorn Olesen, quest’anno vincitore della World Cup. Rocco Forte, fondatore e Presidente del Gruppo Rocco Forte Hotels, ha dichiarato: "Sono felice che il Verdura Resort ospiterà il Rocco Forte Open. Il nostro Resort siciliano vanta due percorsi links da 18 buche disegnati da Kyle Phillips ed è frequentato abitualmente da alcuni fra i nomi più importanti del golf europeo. Il resort si estende su due chilometri di costa, offrendo da ogni buca vedute fantastiche del Mar Mediterraneo. Da appassionato golfista, sarò sicuramente presente al torneo". 

RYDER CUP: CAMBIANO LE REGOLE PER LA FORMAZIONE DEL TEAM EUROPEO

L’European Tour ha modificato le regole per la qualificazione alla Ryder Cup a partire dalla prossima, la  42ª  della serie che avrà luogo Le Golf National, nei pressi di Parigi in Francia, dal 28 al 30 settembre 2018. La più importante riguarda le wild card a disposizione del capitano, nell’occasione il danese Thomas Bjorn, che passano da tre a quattro, in pratica uniformandosi al sistema statunitense.
Nelle due classifiche continentali per aumentare le wild card sono stati ridotti da cinque a quattro i qualificati attraverso la World Points List, desunta dalla graduatoria mondiale, mentre è rimasto invariato in quattro il numero degli ammessi con l’European Points List, che tiene conto delle prestazioni sul circuito. I punti potranno essere acquisiti a iniziare dal D+D Real Czech Masters (31 agosto-3 settembre 2017), mentre è ancora da decidere l’ultimo evento valido nel 2018.
In entrambe i punti saranno assegnati con il metodo attuale fino al BMW PGA Championship del 2018, poi da quel momento saranno moltiplicati per 1,5. Inoltre non saranno riconosciuti punti conquistati fuori dal circuito continentale quando si svolgeranno gare delle Rolex Series, sia nel corrente anno che nel 2018. Infine i giocatori potranno conservare la membership europea, obbligatoria per fare parte del team, disputando nel circuito almeno quattro tornei l’anno, e non più 5, esclusi major e WGC. Non potranno essere nominati capitani o vice capitan coloro che dal 2018 non si atterranno a questa norma.
Keith Pelley, Chief Executive dell’European Tour, si è soffermato sulla membership: “Il cambiamento - ha detto - aiuterà molti associati, che giocano in giro per il mondo e che vogliono restare fedeli al tour europeo, a programmare meglio la loro stagione”

Grande dibattito mediatico sorto sul contributo dello stato all'evento golfistuico Ryder Cup, Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport 24 per fornire chiarimenti in merito alla garanzia fideiussoria richiesta al Governo dall’Executive Committee della competizione. Di seguito i punti salienti delle sue dichiarazioni: “Non intendevo lanciare ultimatum. Semplicemente, gli inglesi, detentori dei diritti, mi stanno pressando per sapere quale sarà il percorso che il Governo intende attivare per fargli giungere le garanzie richieste. Dopo il termine di scadenza del 13 febbraio, siamo riusciti a ottenere una proroga, anche grazie all’ausilio del Ministro dello Sport, Luca Lotti e del Presidente del Coni Giovanni Malagò, che si sta attivando in maniera straordinaria per sbloccare la situazione. Non è stata fissata una nuova data finale, ma il Board della Ryder Cup Europe dal 28 febbraio mi sta pressando tutti i giorni per sapere quale tipo di iter verrà intrapreso dal Governo. Nei prossimi 15 giorni dovremo fornire dei chiarimenti in tal senso e indicare quando ci sarà l’avvio ufficiale del Progetto Ryder Cup 2022.
Sensazioni? Sono moderatamente positivo e, per mia natura, sono abituato a giocare fino all’ultima palla. Certamente, si tratta di una situazione delicata. Finora gli inglesi hanno avuto molta pazienza, perché la Federgolf ha dimostrato credibilità in questi primi 9 mesi di programmazione del Progetto. Abbiamo fatto vedere di essere già molto avanti, gettando le basi per accordi importanti. Ora aspettiamo soltanto le garanzie statali per dare il via ai lavori sul campo di gara, per formalizzare il contratto con l’advisor Infront sulla parte relativa al marketing e gli aspetti commerciali. Intanto, sono contento che la conferenza stampa del 9 febbraio ci ha aiutato a far capire alla gente che stiamo parlando di garanzie e non di soldi che il Governo dovrà stanziare. Il nostro Progetto è altamente sostenibile come dimostra il business plan. Si tratta di un percorso sportivo di 11 anni, con oltre 100 tornei internazionali che verranno ospitati su tutto il territorio nazionale, da nord a sud e alle Isole. Grazie a 11 Open d’Italia con un montepremi da 7 milioni di dollari, porteremo i più forti giocatori al mondo sui nostri campi per far appassionare i ragazzi a questo sport, che si avvia a diventare sempre più popolare. Soltanto attraverso gli Open d’Italia arriveranno 25 milioni al Governo, che incasserà il 30% dai montepremi. Il Progetto RyderCup 2022 è un grande investimento per il Paese, che avrà un ritorno economico di oltre 510 milioni di euro. Anche a livello d’immagine l’Italia beneficerà di un impatto mediatico incredibile.La Ryder Cup è il terzo evento sportivo al mondo dopo Olimpiadi e Mondiali di calcio, capace di generare un audience superiore addirittura al Super Bowl. Spero quindi con tutto il cuore che si trovi al più presto lo strumento idoneo per presentare le garanzie così da poter tranquillizzare gli inglesi. Nel frattempo la FIG, parafrasando Shakespeare sa bene che “essere pronti è tutto”. Vogliamo dare seguito al nostro Progetto e attendiamo soltanto i passaggi formali a livello istituzionale”.
Dopo la Preview del 17 Ottobre 2016 che ha portato 15 Chef Stellati e non al Brianza Golf e Country Club con oltre 130 persone a tavola ecco: una serie di 8 eventi che toccheranno alcune regioni del Nord come Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia, Liguria,  il cui scopo è quello di coinvolgere il mondo della cucina: gli Chef stellati e non e il mondo dei golfisti dilettanti con la sezione Sommelier AIS.

Chef in Green & Sommelier

Si parte dal fatto che si vogliono coinvolgere gli chef e i sommelier che non hanno mai giocato e che non hanno hcp in un mondo verde dove gli spazi sono belli e non sono quelli a cui sono abituati in una cucina o in Ristorante.
Il coinvolgimento per questo mondo verde parte dal fatto di creare loro un momento di inserimento nell'ABC del golf fatto da maestri del circolo che per una ora diano i rudimenti dello sport e delle sue regole con una lezione collettiva.
Quindi allenamento sul putt per gli chef e i sommelier

Possibilità
Gara di putting green su 9/18 buche con tiri alternati tra Chef e giocatori. Il primo colpo lo fa lo Chef o il sommelier, le due categorie sono sistinte, e poi si continua in maniera alternata, come fosse una foursome sul green.
Oppure  uno Chef può essere abbinato a più giocatori, magari non più di due o tre, e così farà più prove. Il torneo di Putting Green si potrebbe fare a seguito della gara normale considerato che non occupa molto tempo.
Sii può organizzare la giornata con una lezione collettiva in campo pratica, un giro di campo sul cart, pratica in putting green, ecc.
In seguito, Challenge Cup 2017
partendo intorno alle 15 un approccio diretto in una competizione in abbinata con dei giocatori dilettanti su 6 buche.
Con la medesima sacca le coppie gareggiano su formula particolare. Lo chef gioca solo sul putt con il minor numero di colpi per imbucare.

Per i giocatori del circolo e non invece 
Il mattino gara 18 buche suddivisi in 2 categorie. 
Premi: 1 e 2° netto di Categoria, 1° Lordo, 1° Lady, 1° Senior.

Chi tra i giocatori della gara Stableford 18 buche vuole partecipare al torneo di Putting Green si iscrive all’atto del ritiro dello score così da poter avere  il numero dei partecipanti. Pure chi desidera invece giocare le 6 buche con gli chef
La sera, cena a pagamento per tutti coloro che si iscrivono, 
cena preparata da uno chef che a 4 mani con lo chef del ristorante del Circolo creano una serie di 6/ più piatti. Vini e Sommelier al servizio.

Se siete Chef o Sommelier, anche non iscritti alla FIG, quindi senza Hcp di gioco del golf, se siete produttori di vini da far conoscere, o di prodotti interessanti per chi ama la buona cucina, chiaro se siete giocatori... scriveteci: info@golfegusto.it

Un weekend a Venezia? Scegliete il B&B Ca' Isidoro, a 5 mn. da Piazza San Marco