Anno XIottoibre direttore Roberta Candus redazione@golfegusto.it

Un nuovo format per appassionare anche gli chef al mondo del golf

notizia del 18/10

Il 17 ottobre, un lunedì, si è svolta al Golf Brianza Country Club la preview di questa nuova idea che il direttore di Golf&Gusto aveva da anni. La spinta a organizzare "Chef in Green" l'ha data lo chef Tano Simonato che amerebbe imparare e giocare a golf. Ecco quindi che in breve si sono riuniti 15 chef, non solo della Lombardia, e si è riusciti a portarli a calpestare i fairways, a ritrovarsi in un ambiente diverso da quello da loro frequentato abitualmente, a seguire un corso con i maestri della PGAI. Un vero successo, gli chef presenti hanno apprezzato il diverso pomeriggio, il fatto di non ritrovarsi in una cucina a preparare piatti, cosa che è invece stata il compito di Michele Zanella, chef di "Alla Vecchia Macina" il maso di Pellizzano in Trentino e Tano Simonato del Ristorante stellato, "Tano passami l'olio". Drive, Putt e Forchetta, il primo assaggio, anche se questa volta abbiamo permesso loro di usare solo il putt, quindi di sfoderare la loro precisione, attenzione e creatività. Piacevolmente sorpresi dai paesaggi di un golf, forse non proprio attrezzati specie a scarpe calzate, anche se avevamo loro dato da indossare una polo come i giocatori e una giacca da chef per le foto di gruppo. Le palline, i tee, i marchini erano per loro oggetti nuovi, un ricordo della nuova esperienza. Molti si sono allenati sul putting green e dopo aver mangiato un piatto di pasta, Carla Latini, alla Bottarga Trikalinos, sul tee della 10 sono partiti per 6 buche accoppiati a giocatori di golf. Il loro compito era inbucare nel minor numero di colpi. Nel pomeriggio all'interno della Club House Spherae aveva allestito una mostra di gioielli dallo spunto legato proprio alla sfera...non una pallina da golf, ma un gioiello. E' stato il caso di Felix Lo Basso del Ristorante omonimo in Piazza del Duomo che giocava con Gianluigi Siena, titolare di L'Architettura del Gusto, che è così stato premiato da Federica Castiglioni con uno splendido set di coltelli Arcos, secondo Nicola Cavallaro che giocava con Lorenzo Crotti e ha ricevuto il Sifone Isi, terzo Gianni Tarabini con Roberto Roversi ed il premio offerto da Kisag. I tre vincitori sono attesi il 27 ottobre all'inaugurazione della Mostra Spherae, molto piu importante, per ricevere anche da lro un meritato premio. Ad una coppia particolare, in quanto aveva giocato il mattino 18 buche, essendo già giocatore, Alessandro Seveso, consegnato un cofanetto di fantastica Bottarga Trikalinos. Un altro premio offerto da Giorgio Bacagias, il cofanetto con i pistilli magici di Zafferano Krocos Kozanis è andato a Fabrizio Barontini. Era l'unica donna rimasta in premiazione e abbiamo consegnato a Antonella Coppola il bellissimo giustacuore bianco della Lorena Antoniazzi. Ma il clou, a parte le premiazioni, è stata la sequenza di ottimi piatti che i due chef hanno portato in tavola per il piacere dei cento commensali. Un percorso per gustare la cucina di Tano, creativa e dalle origini milanesi, e quella di Michele, impregnata di boschi e prati trentini. A loro Il direttore di Golf&Gusto Roberta Candus ha dato, quale ricordo della giornata un delicato simbolo di questo primo incontro che vedrà nel prossimo anno vari incontri, un modo diverso di approcciare agli chef, fautori della nostra ottima cucina, in contesti così diversi che speriamo servano loro, oltre che apprendere lo sport che noi appassionati amiamo, anche divagarsi un po' e chissa essere, se possibile, ancora piu creativi. Al 2017 con "Chef in Green" e ci aspettiamo di fare tanti proseliti di questo bellissimo mondo all'aria aperta, tra essenze diverse e paesaggi incredibili anche se, come in questo caso, dietro una serie di impianti industriali!

Ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato in questa giornata da ROBUR che ha confezionato le giacche per tutti, a l'Architettura del Gusto, Revì, Zafferano Ellenico, Bottarga Trikalinos, Pasta Carla latini, Riso Buono, l'acqua Fillette, i succhi Van Nahemen, i vini Luretta,Trabo e i suoi partner, Lorena Antoniazzi, Teatro7, Spherae, Giada Comunication, Bonardi Costruzioni e GiochiSport. Chiaro che dobbiamo ringraziare chi ci ha aiutato nei sociale in special modo Saporie che praticamente era sempre in live durante tutta la gionata per farci vedere come i "giocatori" Chef si comportavano in campo. Un particolare ringraziamento a tutta la cucina del Ristorante del golf che ha ben risposto a questo evento.

Un weekend a Venezia? Scegliete il B&B Ca' Isidoro, a 5 mn. da Piazza San Marco
Domenica, 6 novembre 2016
".
 
Domenica, 6 novembre 2016