Sabato, 30 gennaio 2016
Anno XIGennaiodirettore Roberta Candus redazione@golfegusto.it
SI E' CONCLUSA L'ULTIMA GARA AL GOLF MODENA E CONSEGNATI TANTISSIMI PREMI PER TUTTI, DURANTE LA PREMIAZIONE DI DOMENICA, DOPO LA GARA AMICI. SEI I VOUCHER AI SEI VINCITORI PER IL VIAGGIO OFFERTO DA "I VIAGGI DI ATLANTIDE" PER PORTO SANTO CON PARTENZA IL 13 NOVEMBRE E RIENTRO IL 20. PURTROPPO MOLTI DISDICONO. INCREDIBILE NON SOLO ASSENTEISMO ALLE PREMIAZIONI MA ANCHE AI VIAGGI OFFERTI.....
VI ASPETTIAMO A FINE FEBBRAIO ALLE FIERE DI PARMA PER ITALIAN GOLF SHOW, CONSEGNEREMO IL G6G AWARD 2015 AL MIGLIOR RISTORANTE DEL GOLF A MASSIMO INCERPI, GESTORE DEL RISTORANTE DEL GOLF LE FONTI
ITALIAN GOLF SHOW IN FIERE DI PARMA DAL 27-29 FEBBRAIO 2016, HA INDETTO UN MINICIRCUITO DI GARE DA DICEMBRE SINO ALL'EVENTO, INIZIANDO IL 13 DICEMBRE AL GOLF RIVIERA E PROSEGUENDO 6/2 MODENA GOLF, 7/2 VALDICHIANA, 13/2 GILF DEL DUCATO, 20/2 GOLF CHERVò E 21/2 REGGIO EMILIA GOLF.
Rimonta di Paratore al 29° posto, Manassero ancora una volta non ha passato il taglio
notizie del 30/1
Nel Commercial Bank Qatar Masters, torneo dell’European Tour, che si sta disputando sul percorso del Doha Golf Club (par 72), a Doha nell’Emirato Arabo. Lo scozzese Paul Lawrie, 47enne di Aberdeen non ce l'ha fatta e, il sudafricano Branden Grace, ha vinto per il secondo anno consecutivocon (274 - 70 67 68 69, -14), risalendo dalla seconda posizione per meriti propri e anche approfittando della débâcle dello scozzese leader nei turni centrali e scivolato fino al 13° posto (281, -7) con un 78 (+6).
Al secondo posto con 276 (-12) lo spagnolo Rafael Cabrera Bello e il danese Thorbjorn Olesen, al quarto con 277 (-11) il gallese Bradley Dredge e gli inglesi Andrew Johnston e Lee Slattery e al settimo con 280 (-8) l’iberico Sergio Garcia e il sudafricano Louis Oosthuizen, che non hanno risposto alle attese della vigilia. L’iberico Pablo Larrazabal e l’austriaco Bernd Wiesberger hanno ottenuto lo stesso score di Lawrie, sono terminati a metà classifica il thailandese Thongchai Jaidee e il danese Soren Kieldsen, 20° con 282 (-6), il belga Nicolas Colsaerts, 27° con 283 (-5), il tedesco Marcel Siem e il sudafricano Ernie Els con il medesimo punteggio di Paratore. In bassa il cinese Ashun Wu e il thailandese Kiradech Aphibarnrat, 52.i con 288 (par). Guadagnando altre due posizioni Renato Paratore si è classificato al 29° posto con 284 (75 66 71 72, -4). Branden Grace, 28 anni e nativo di Pretoria, ha siglato il settimo titolo nel circuito marciando in 69 (-3) colpi con quattro birdie e un bogey, secondo score di giornata dopo il 68 (-4) di Soren Kjeldsen. Andatura di poco più lenta, ma determinante per il risultato, di Rafael Cabrera Bello (70, -2 con quattro birdie e un doppio bogey) e di Thorbjorn Olesen (71, -1 con due birdie e un bogey). Renato Paratore, che ha fatto una bella gara tutta in rimonta dopo una partenza difficile (105° con 75, +3), ha concluso con due birdie e due bogey per il 72 del par. Grace ha ricevuto un assegno di 381.459 euro su un montepremi di 2.300.000 euro. Era uscito dopo 36 buche Matteo Manassero, 96° con 146 (75 71, +2), che ha subito il sedicesimo taglio consecutivo (15 nell’European Tour e uno nel Japan Tour). Fuori anche il canadese Mike Weir, 112° con 149 (+5), e lo statunitense John Daly, 120° con 153 (+9).
Branden Grace si riprende il titolo
Gli Stati Generali del Golf

L’aggiudicazione della Ryder Cup 2022 è stato un trionfo storico per il golf e per tutto lo sport italiano. Ma va considerato come il punto di partenza di una nuova era per il movimento golfistico nazionale. Perché apre nuovi orizzonti e opportunità che sarebbe un errore lasciarsi sfuggire. Di questo e di tanto altro si è parlato oggi durante gli “Stati generali del golf”, organizzati dalla Federazione Italiana Golf (FIG) all’hotel Principe di Savoia di Milano. Oltre al presidente di CONI Servizi e della FIG, Franco Chimenti, erano presenti i vicepresidenti Antonio Bozzi e Paolo Casati, il Segretario Generale Stefano Manca, Lavinia Biagiotti, vicepresidente del Marco Simone Golf & Country Club, percorso ufficiale della Ryder Cup 2022, e Paolo D’Alessio, Commissario straordinario dell’Istituto per il Credito Sportivo. L’incontro è stato moderato da Chiara Geronzi, responsabile della comunicazione FIG.

Cristiano Terragni ha ottenuto una ‘carta’ per il PGA China Tour, terminando al 16° posto con 293 colpi (74 73 76 71, +5) nella Pingan Bank China Pga Tour Global Qualifying Tournament 2, la seconda delle tre Qualifying School del circuito che si è tenuta sul percorso del Kunming Wind Valley Club (par 72) a Kunming in Cina. Si sono imposti con 281 (-7) colpi il coreano Bio Kim (71 70 71 69) e lo statunitense Charlie Saxon (69 72 70 70) davanti al taiwanese Chung-Hao Mou (284, -4). In quarta posizione con 286 (-2) l’australiano Do Eun An, il coreano Geon Ha Kim, l’americano Mark Baldwin e l’inglese Callum Tarren. I primi 15 in graduatoria hanno ottenuto la “full card”, mentre Terragni ha avuto una “conditional card” insieme agli altri 19 concorrenti che lo hanno seguito in classifica. 
Hanno partecipato alla gara, senza fortuna, anche Aron Zemmer (80 78 75 68) e Nunzio Lombardi (76 81 71 73), 56.i con 301 (+13), e Alessandro Grammatica, 81° con 306 (78 79 75 74, +18). Il circuito si svolge sotto l’egida del PGA Tour statunitense e il calendario 2016 deve essere ancora diramato. Nella scorsa stagione si sono svolti dodici eventi. Info

Il Pure Silk Bahamas Classic, sul percorso del Paradise Island (par 73), a Nassau nelle Isole Bahamas, ha aperto la stagione del LPGA Tour. In vetta con 138 (-8) l’inglese Charley Hull (68 70) e la giapponese Haru Nomura (68 70), che sono state affiancate da Megan Khang (70 68). In risalita anche la coreana Sei Young Kim, campionessa uscente, da 18ª a quarta con 139 (-7), affiancata della connazionale Min Seo Kwak, della svedese Anna Nordqvist e della scozzese Catriona Matthew. All’ottavo posto con 140 (-6) Paula Creamer, al decimo con 141 (-5) Stacy Lewis e Brittany Lincicome, al 20° con 143 (-3) Lexi Thompson e al 69° con 148 (+2) Cheyenne Woods. Fuori al taglio, caduto a 148, Michelle Wie, 81ª con 149 (+3), e la taiwanese Yani Tseng, 95ª con 152 (+6).  Si è ritirata dopo il turno iniziale la coreana Inbee Park, numero uno mondiale. Hanno recuperato posizioni le nostre Giulia Sergas , da 33ª a 13ª con 142 (-4) colpi (72 70), e Giulia Molinaro, da 65ª a 46ª con 146 (74 72, par). Il montepremi è di 1.400.000 dollari.  Info

PGA Tour al Farmers Insurance Open che si sta disputando al Torrey Pines Golf Club (par 72) di San Diego in California. Sono al comando con 135 (-9) Gary Woodland (68 67) e il coreano K. J. Choi (68 67),in foto, in rimonta dall’ottava piazza, ed è a ridosso Dustin Johnson (136, -8). Al quarto posto con 137 (-7) Scott Brown, Billy Horschel e lo scozzese Martin Laird, al settimo con 138 (-6) Kevin Streelman, Chad Campbell, J.B. Holmes, John Huh, Rob Oppenheim, il coreano Si Woo Kim e lo svedese Freddie Jacobson, al 18° con 140 (-4) l’argentino Angel Cabrera, al 27° con 141 (-3) Andrew Loupe, leader con Scott Brown dopo un giro, e al 38° con  142 (-2) Patrick Reed e Hunter Mahan. Woodland, 32enne di Topeka (Kansas) con due successi nel circuito, ha realizzato un 67 (-5) con otto birdie e tre bogey e Choi, 46enne di Wando con otto titoli nel tour (ultimo quello ottenuto nel Players Championship, 2011). Il taglio ha tolto di gara buona parte dei giocatori che avrebbero dovuto recitare un ruolo importante: Rickie Fowler e gli inglesi Paul Casey e Justin Rose, 73.i con 144 (par) e fuori per un colpo, Phil Mickelson, che praticamente giocava in casa e che aveva iniziato in buona classifica (15°), 90° con 145 (+1) insieme a Keegan Bradley, quindi l’australiano Jason Day, numero due mondiale, 102° con 146 (+2) e il sudafricano Retief Goosen, 112° con 147 (+3) e il nostro Francesco Molinari che è rimasto al 123° posto con 148 (+4) colpi (75 73). Il montepremi è di 6.500.000 dollari dei quali $ 1.170.000 andranno al vincitore.  Info n

Il Golf Club Livorno, da un anno aggregato alla Federazione Italiana Golf come campo pratica, allarga la propria attività con l’apertura entro la fine dell’anno del nuovo percorso di nove buche diventando un circolo affiliato. Nato da una stretta iniziativa tra FIG e Comune di Livorno, ha suscitato l’interesse degli appassionati e conta già 190 soci. Il completamento della struttura avverrà con l’edificazione della club house, i cui lavori inizieranno nel 2016. Per presentare il nuovo tracciato il Comitato Regionale Toscana della Federazione Italiana Golf, in accordo con il Comune di Livorno e con la collaborazione della società sportiva dilettantistica Golf Club Livorno, ha promosso una conferenza stampa che si terrà venerdì 27 novembre, alle ore 12, presso la Sala Cerimonie del Comune di Livorno, in Piazza del Municipio. Interverranno Filippo Nogarin, Sindaco del Comune di Livorno; Franco Chimenti, presidente di CONI Servizi e della FIG; Andrea Scapuzzi, presidente Regionale FIG e del Golf Club Livorno; Paolo Croce, Collaboratore del Centro Ricerche Tappeti Erbosi Sportivi dell'Università di Pisa; Carlo Manca, Direttore del Servizio Fondi Speciali e Studi dell'Istituto per il Credito Sportivo.
86° Portuguese International Ladies Amateur Championship, che si sta svolgendo sul tracciato del Montado Golf Resort (par 72), a Palmela in Portogallo. Il titolo sembra nelle mani della spagnola Maria Parra (203 - 66 68 69, -13), nella foto, ma anche se inizierà il turno conclusivo con cinque colpi di vantaggio sulla svizzera Albane Valenzuela (208, -8) dovrà ben guardarsi da quest’ultima, vincitrice a dicembre del prestigioso Junior Orange Bowl. Pure se terza non ha chance la francese Emma Grechi (214, -2), che dovrà invece cercare di difendere la posizione dal possibile attacco della svedese Frida Kinhult e delle danesi Puk Lyng Thomsen e Ross Haarman, quarte con 215 (-1). Lucrezia Colombotto Rosso (71 73 73), nella foto, e Alessia Nobilio (71 73 73) sono ottave con 217 (+1) colpi. E’ tra le top ten anche Emilie Alba Paltrinieri, decima con 219 (71 76 72, +3), e sono in rimaste in gara e in buona classifica Angelica Moresco (74 74 72) e Carlotta Ricolfi (73 72 75), 16.e con 220 (+4).  Sono uscite al taglio, che ha lasciato in corsa quaranta concorrenti, Maeve Rossi, 44ª con 226 (74 75 77, +10), Carolina Caminoli, 52ª con 228 (76 75 77, +12), Ludovica Busetto, 70ª con 232 (76 79 77, +16), Tasa Torbica, 75ª con 233 (77 77 79, +17), e Clara Manzalini, 80ª con 237 (75 76 86, +21). info 

Pals Winter Camp (19-22 gennaio) che si sta disputando sui quattro percorsi del PGA Tour Course, dell’Emporda Forest, del PGA Stadium Course e del Platja de Pals, a Pals in Spagna vede la vittoria dell’azzurro Jacopo Vecchi Fossa in testa con 283 colpi (66 72 71 74, -5)  e Italia 1 ha prevalso nella classifica a squadre. L’evento è stato anche l’occasione per un raduno collegiale al quale hanno preso parte, oltre agli azzurri, atleti iberici, francesi e svizzeri. Il torneo si è svolto sulla distanza di 72 buche e in ognuna delle quattro giornate (18 buche) si è cambiato tracciato. Vecchi Fossa ha preceduto lo spagnolo Xavier Gorospe Guridi, secondo con 285 (-5), e quattro transalpini: Ugo Coussaud (286, -2), Robin Roussel (287, -1), Gregoire Schoeb (289, +1) e Victor Veyret (291, +3).In campo altri dieci azzurri: Guido Migliozzi, settimo con 294 (68 77 73 76, +6), Luca Cianchetti, ottavo con 296 (74 70 71 81, +8), Leonardo Bellini, 12° con 301 (75 78 76 72, +13), Riccardo Leo, 19° con 304 (78 77 76 73, +16), Michele Ortolani (76 80 75 74) e Federico Zuckermann (69 82 79 75), 22.i con 305 (+17), Jacopo Albertoni, 27° con 309 (79 71 84 75, +21), Andrea Romano, 30° con 312 (77 79 77 79, +24), Julien Paltrinieri, 32° con 316 (85 74 81 76, +28), e Riccardo Alberti, 36° con 323 (79 83 79 82, +35). Nella graduatoria a squadre Italia 1 (Vecchi Fossa, Zuckermann, Cianchetti, Migliozzi) ha concluso con 862 colpi (283 305 296 294) superando Francia 1 (865), Spagna 1 (889), Francia 2 (900), Italia 2 (917 - 312 323 304 301 - Romano, Alberti, Leo, Bellini) e Svizzera 1 (933). Hanno accompagnato gli azzurri Gianluca Crespi e Gianluca Baruffaldi. info

Il Pure Silk Bahamas Classic, sul percorso del Paradise Island (par 73), a Nassau nelle Isole Bahamas, ha aperto la stagione del LPGA Tour. Classifica abbastanza corta e sette proettes al vertice con 68 (-5) colpi, con Paula Creamer, Alison Lee, Ashlan Ramsey, l’inglese Charley Hull, la scozzese Catriona Matthew e le giapponesi Mika Miyazato e Haru Nomura. Le nostre due azzurre hanno tenuto un buon passo Giulia Sergas, in foto, 33ª con 72 (-1), ed è dalla parte buona della graduatoria anche Giulia Molinaro, 65ª con 74 (+1). Seguono le battistrada con 69 (-4) Jennifer Johnson e la coreana Min Seo Kwak e sono al decimo posto con 70 (-3) Brittany Lincicome, Megan Khang, Danielle Kang, l’israeliana Laetitia Beck, la coreana Hyo Joo Kim, la thailandese P.K. Kongkraphan, la svedese Anna Nordqvist e la filippina Cyna Marie Rodriguez. Al 18° con 71 (-2) la coreana Sei Young Kim, campionessa uscente, al 45° con 73 (par) Stacy Lewis, al 65°, come la Molinaro, anche Lexi Thompson e Cheyenne Woods, all’87° con 76 (+3) Michelle Wie e la taiwanese Yani Tseng. E’ stata costretta al ritiro la coreana Inbee Park, leader mondiale. Per la Sergas tre birdie e due bogey, per la Molinaro due birdie e tre bogey. Il montepremi è di 1.400.000 dollari. info

l Symetra Tour Championship (15-18 ottobre), ultima gara stagionale del Symetra Tour, in programma al LPGA International (Jones Course) di Daytona Beach, in Florida, per conquistare le dieci ‘carte’ per il LPGA Tour 2016 alle prime della money list. Vittoria della thailandese Sherman Santiwiwatthanaphong con 274 colpi (66 68 73 67, -14) davanti a Brianna Do (275, -13), a Cydney Clanton e all’australiana Su Ho (276, -12). Al quinto posto con 278 (-10) Catherine O’Donnell e la canadese Maude-Aimee Leblanc e al settimo con 279 (-9) Lacey Agnew. La Santiwiwatthanaphong, che ha ricevuto 22.500 dollari su un montepremi di 150.000 dollari, ha realizzato un 67 (-5) con sei birdie e un bogey. L’ultimo birdie alla buca 18 ha impedito l’aggancio a Brianna Do (69, -3 con quattro birdie e un bogey), che in caso di vittoria avrebbe avuto la meglio nella money list. Comunque è salita al terzo posto e si è guadagnata la ‘carta’. Nel LPGA Tour 2016 anche le altre sette concorrenti classificate tra i quarto e il decimo, nell’ordine Daniela Iacobelli, la svedese Dani Homqvist, Lee Lopez, la messicana Alejandra Llaneza, Vicky Hurst, Casey Grice e Rachel Rohanna. Giulia Molinaro non è riuscita a conservare la prima posizione nella money list del Symetra Tour, non avendo partecipato all’ultimo evento stagionale, il Symetra Tour Championship, ma con la seconda è entrata comunque a vele spiegate nel LPGA Tour 2016. Nell’ordine di merito la veneta ($ 68.632) è stata superata da Annie Park ($ 68.673) per soli 41 dollari e in maniera rocambolesca. Infatti la Park è riuscita a recuperare il 14° posto (282, -6) nella classifica del torneo, l’ultimo utile per divenire la reginetta del Symetra Tour 2015, grazie a un eagle sull’ultima buca. Ha concluso al 68° con 295 (74 72 75 74, +7) Silvia Cavalleri ed è 75a con 9.820 dollari.  info

Milano riospita l'Open dItalia
Il Golf Club Milano sarà sede del prossimo Open d'Italia. Il bellissimo Parco della Villa di Monza, sarà ancora il palcoscenico di questo evento che si svolgerà dal 15 al 18 settembre anticipato, come di consueto, dalla tradizionale Pro Am. Gara e data sono stati anche ufficializzati dall’European Tour, che ha reso noto il calendario della prossima stagione, proprio mentre a Dubai si sta concludendo l’attuale. Non poteva essere diversamente dopo lo straordinario successo che l’avvenimento ha avuto nello scorso settembre con il record assoluto di presenze. Vi sono però stati tanti altri aspetti che hanno reso il 72° Open d’Italia presented by Damiani un torneo emotivamente indimenticabile e di grande impatto promozionale. Tra i motivi che hanno condotto alla riconferma della location per il prossimo Open d’Italia è certo il parere degli sponsor - aziende di grande prestigio - tutti rimasti pienamente soddisfatti del successo in generale, del movimento che si è creato e, non ultimo, anche per l’eleganza e per la creativa impostazione del Villaggio Ospitalità, lungo la buca 18, e del Villaggio Commerciale nel viale d’ingresso. Il grande Parcheggio dell'autodromo permetterà la grande affluenza del pubblico e arrirerà ancor più un pubblico non abituato a questo sport ma che potrà così avvicinarsi per capire come mai tantia gente vi ci si appassiona.
l'area peivè alla buca 18 - Foto C. Scaccini
Alla buca 18 - Foto C. Scaccini
Finalmente l'abbiamo in pugno, ora dobbiamo farne un grandissimo evento
Ryder Cup 2022: Roma Caput Mundi, Roma caput Golf

Roma, l’élite del golf mondiale e l’emozione di vedere da vicino il trofeo più prestigioso che questo sport può mettere in palio: la Ryder Cup. Si è tenuta oggi la conferenza stampa ufficiale per celebrare l’assegnazione all’Italia dell’edizione 2022 della grande sfida di golf Europa-Usa.
A fare gli onori di casa, nel Salone d’Onore del CONI, Giovanni Malagò, Presidente del massimo organismo sportivo nazionale. Con lui Franco Chimenti, Presidente di CONI Servizi e Presidente della Federazione Italiana Golf; Keith Pelley, CEO dello European Tour; Richard Hills, Ryder Cup Director; Laura Biagiotti, Presidente del Marco Simone Golf & Country Club; Lavinia Biagiotti, Vicepresidente del Marco Simone Golf & Country Club; Marco Durante, coordinatore della candidatura italiana alla Ryder Cup. A moderare gli interventi, Chiara Geronzi, responsabile della comunicazione per la candidatura italiana alla Ryder Cup 2022. L’incontro si è aperto con l’ingresso di Keith Pelley, tra le mani la Ryder Cup, che ha fatto bella mostra sul tavolo della conferenza. Keith Pelley ha dichiarato: “E’ una splendida giornata per l’European Tour, per la Ryder Cup e per l’Italia. Siamo felici del successo di Roma. Era la migliore delle candidature e Franco Chimenti ha lavorato con grande passione insieme al suo ottimo staff mostrando coraggio, competenza e idee chiare. Quanto al campo avevano qualche preoccupazione, ma poi parlando con la famiglia Biagiotti abbiamo avuto le assicurazioni necessarie. Siamo sicuri che il Marco Simone Golf & Country Club diventerà un grande percorso di livello mondiale e contribuirà a far crescere il golf in Italia”. Ha aggiunto Richard Hills: “Non posso che confermare quanto ha detto Keith. Con questo team abbiamo lavorato bene, ha dato risposte esaurienti a tutte le domande. Non vedo l’ora, tra sette anni, che inizi il torneo”. Poi ha concluso: “Sono rimasto veramente colpito dalla reazione entusiastica che hanno avuto, alla Federazione Italiana Golf, quando hanno ricevuto l’annuncio dell’assegnazione”.

Che cos’è la Ryder Cup - La Ryder Cup, nata nel 1927, vede rinnovarsi ogni due anni la sfida Europa e Stati Uniti: la competizione viene assegnata alternativamente ogni due anni a una città europea o americana. Il 2022 sarà la volta dell'Europa. L’edizione del 1997 in Spagna e quella che si disputerà nel 2018 in Francia rappresentano gli unici due casi europei in cui la Ryder Cup viene disputata al di fuori del Regno Unito. La diffusione capillare del golf nel mondo (61 milioni di praticanti in oltre 120 nazioni), sommata alla presenza in campo dei più forti golfisti continentali, fanno della Ryder Cup un appuntamento unico. Per l’Italia e per Roma ospitare la Ryder Cup del 2022 costituirebbe un'opportunità unica, considerato che per esposizione mediatica e indotto (pari a 500 milioni di Euro secondo gli studi di KPMG) la più importante manifestazione golfistica internazionale è il terzo evento sportivo al mondo dopo le Olimpiadi e la Coppa del Mondo di calcio. In termini di esposizione mediatica, questa manifestazione è il terzo evento sportivo dopo i Campionati Mondiali di calcio e le Olimpiadi: circa 300.000 spettatori provenienti da 96 diverse nazioni; 192 Paesi collegati attraverso un network di 53 emittenti televisive per un totale di più di 500 milioni di case raggiunte per ciascun giorno di gara.

dai preliminari alla firma e l'affido del trofeo e l'entusiasmo della vittoria
Nella gara femminile (39ª edizione, 40 al via) la svizzera Albane Valenzuela (281 - 70 70 71 70, -3), in foto, anche lei unica concorrente rimasta sotto par, ha preso il comando nel terzo giro e poi ha contenuto gli attacchi della francese Agathe Laisne e della coreana Euikyung Shin, entrambe con 284 (par). In quarta posizione con 285 (+1) la transalpina Mathilda Cappeliez, in quinta con 287 (+3) Emilia Migliaccio, del North Carolina, in vetta nei primi due turni, e in sesta con 290 (+6) la californiana Mika Liu. In undicesima Carlotta Ricolfi con 294 (71 80 76 67, +10), che dopo una buona partenza ha perso parecchi colpi nei giri centrali. Nel quarto ha segnato un 67 (-4 con sei birdie e due bogey), miglior score di giornata ottenuto anche dalla Laisne. Per la Valenzuela un 70 (-1) con tre birdie e due bogey. Ha accompagnato gli azzurri Stefano Sardi.

Al Doral Publix Junior Classic, torneo per ragazzi e ragazze strutturato in varie categorie dai sette fino ai 18 anni, buoni risultati per i giocatori italiani. Riccardo Alberti (nella foto alla premiazione, primo a destra) è giunto secondo nella categoria Boys 16/18, Dylan De Prosperis quarto nella Boys 14/15, Matilde Modesti terza nella Girls 7 e under e Giovanni Binaghi settimo nella Boys 8/9. Nella categoria Boys 14/15 Dylan De Prosperis (230 - 77 75 78) è stato preceduto dal vincitore, il francese Aymeric Laussot (220 - 78 70 72), dallo statunitense Michael Thorbjomseen (224) e dallo svizzero Jayson K. Iten (225). Decima con 233 (78 79 76) Carolina Caminoli e 41ª con 256 (85 84 87) Elena Verticchio. Nelle Girls 7 e under (due giri di 9 buche) Matilde Modesti è terminata terza con 92 (42 50).

E' partito il South Beach International Amateur Championship (20-23 dicembre) che si svolge a Miami, in Florida, sui due percorsi del Miami Beach Golf Club e del Normandy Shores Golf Club. Nel field 210 giocatori che si alternano per 36 buche sui due tracciati, poi i primi 72 e i pari merito al 72° posto disputeranno gli ultimi due turni al Miami Beach Golf Club,  dove nel primo giro sono stati impegnati tutti gli italiani. Vincitore con 276 (69 70 71 66, -7) il venezuelano Jorge Garcia. Primo degli italiani Jacopo Vecchi Fossa si è classificato al 22° posto con 288 colpi (69 72 75 72, +5), al 24° posto con 289 (+6) Lorenzo Scalise (74 72 69 74) e Michele Cea (72 72 71 74), quindi al 41° con 292 (78 69 74 71, +9) Michele Ortolani e al 50° con 293 (74 71 76 72, +10) Gianluca Bolla. arcia ha avuto ragione degli statunitensi Jacob Hicks e Sarosh Adi e del messicano Luis Garza, secondi con 279 (-4), e degli altri due americani Eric Ricard e Joshua Lee, quinti con 280 (-3).
Sono rimasti fuori dopo 36 buche: Edoardo Raffaele Lipparelli, 93° con 149 (77 72, +8), Federico Zucchetti, 116° con 151 (76 75, +10), Riccardo Michelini (78 77) e Guido Migliozzi (82 73), 155.i con 155 (+14), Luca Cianchetti, 169° con 156 (83 73, +15), Stefano Mazzoli, 179° con 157 (78 79, +16), e Luca Portelli, 198° con 160 (82 78, +19). Bolla e Portelli hanno partecipato a titolo personale. La compagine azzurra è stata accompagnata dagli allenatori Alberto Binaghi e Federico Bisazza.
Info

Sul percorso del Biltmore Golf Club, a Coral Gables in Florida, si è conclusa sulla distanza di 72 buche la 52ª edizione del prestigioso  Junior Orange Bowl International Golf Championship (27-30 dicembre) vinta dal norvegese Kristoffer Reitan in foto, e la svizzera Albane Valenzuela. Al torneo maschile Reitan (279 - 70 67 72 70, -5), unico giocatore sotto par, ha lasciato a debita distanza il belga Adrien Dumont de Chassart e il cileno Joaquin Niemann (284, par). Al quarto posto con 285 (+1) il francese Adrien Pendaries e Sachir Kumar, nativo di Trinidad & Tobago e residente in Florida, al sesto con 286 (+2) il transalpino David Ravetto, che ha conquistato l’unico posto a disposizione nella qualifica dove Dylan De Prosperis è giunto quarto. Al 12° con 290 (72 73 75 70, +6) Guido Migliozzi (nella foto), che ha tenuto un buon passo nei primi due turni, poi ha accusato una leggera flessione.
Reitan ha concluso il suo commino con un 70 (-1) dovuto a quattro birdie e a tre bogey. Stesso score per Migliozzi con sei birdie, tre bogey e un doppio bogey. Nel 2013 Renato Paratore ha fatto sua la gara maschile, secondo italiano a conquistare il titolo dopo Marco Durante (1979) e a inserire il proprio nome in un albo d’oro nel quale figurano tanti atleti di peso quali Tiger Woods, Mark Calcavecchia, il colombiano Camilo Villegas e il giapponese Ryuji Imada. In campo femminile spiccano giocatrici come la coreana Inbee Park, la paraguaiana Julieta Granada e le statunitensi Cristie Kerr, Lexi Thompson e Christina Kim.  Info


La R&A e la United States Golf Association (USGA) hanno ufficializzato l’aggiornamento del libro delle Regole del Golf con le modifiche che entreranno in vigore dal 1 gennaio 2016. Nell’ambito del quadriennale ciclo di rinnovamento normativo, i due organismi golfistici hanno introdotto una serie di cambiamenti che dovranno essere tenuti in considerazione da tutti i giocatori. Regola 18-2: Palla Ferma Mossa dal Giocatore, dal Partner, dal Caddie o dall'Equipaggiamento – La Regola 18-2b (palla che si muove dopo l'address) è stata eliminata. Questo sta a significare che quando una palla si muove dopo che il giocatore l'ha addressata, l'applicazione di una penalità secondo la Regola 18-2 si baserà unicamente sul fatto che il giocatore abbia causato il movimento della palla. Eccezione alla Regola 6-6d: Punteggio errato a una buca - Questa nuova eccezione prevede che un concorrente non sia squalificato per aver riportato un punteggio di qualsiasi buca inferiore a quello effettivamente realizzato se ciò è dovuto al non aver incluso uno o più colpi di penalità in cui il concorrente era ignaro di essere incorso prima di aver consegnato lo score. Piuttosto, il concorrente incorre nella penalità prescritta dalla Regola applicabile e una penalità aggiuntiva di due colpi per ciascuna buca nella quale il concorrente ha commesso un'infrazione alla Regola 6-6d. Regola 14-3 Dispositivi artificiali ed Equipaggiamento insolito e uso anomalo dell'Equipaggiamento -  E' stata introdotta una dichiarazione di principi per confermare ciò che guida le autorità competenti nel determinare se l'utilizzo di qualsiasi oggetto sia in infrazione alla Regola 14-3. Per chiarezza, il riferimento precedente a “uso insolito dell'equipaggiamento” è stato modificato in “uso anomalo dell'equipaggiamento”. La penalità per la prima infrazione di un giocatore alla Regola 14-3 durante un giro convenzionale è stata modificata dalla squalifica a perdita della buca in match play o due colpi in stroke play con l'applicazione della squalifica come penalità per una successiva infrazione della Regola. Regola 14-1b: Ancorare il bastone - E' introdotta una nuova Regola per proibire di ancorare il bastone, sia “direttamente”, sia mediante l'uso di un “punto di sostegno”, mentre si effettua un colpo. Ecco l’elenco completo delle principali modifiche delle regole del golf e delle regole per lo status del dilettante.  Nasce il tutorial della Federazione Italiana Golf: 25 video per spiegare come si gioca a golf e tante altre informazioni per far conoscere al meglio questo sport. I video sono disponibili sul canale youtube e verranno pubblicati sui profili facebook e twitter della federazione. Si rafforza ulteriormente così l’impegno della FIG per la promozione del golf in Italia, con l’obiettivo di smentire quei luoghi comuni che rischiano di frenare chi voglia avvicinarsi a questa disciplina. 
Il golf dalla A alla Z - Dalla prima lezione con il maestro fino alla prima gara in campo gli utenti verranno accompagnati in un viaggio alla scoperta del golf. Come allenarsi, come vestirsi, saper calcolare l’handicap e il proprio punteggio di gioco sono solo alcune delle domande che troveranno risposta nel tutorial. Sono tantissimi i temi trattati, fra i quali ad esempio, come scegliere il circolo, cosa c’è nella sacca da golf e come comportarsi sul percorso. 
La promozione sui social network e sul web - Grazie al potere di propagazione dei social network, il tutorial potrà veder aumentare continuamente il numero di visualizzazioni, contribuendo così a far crescere ancora di più il popolo dei golfisti in Italia. Ricordiamo, inoltre, che sul sito della federazione è già presente la sezione come iniziare destinata a tutti quelli che si vogliono avvicinare per la prima volta al golf.

Un weekend a Venezia? Scegliete il B&B Ca' Isidoro, a 5 mn. da Piazza San Marco