Anno XI Giugno 2'016
La coreana brucia la spagnola con un putt
La coreana Sei Young Kim si è imposta con 267 colpi (65 69 65 68, -17) nel Meijer Classic (LPGA Tour) svoltosi sul percorso del Blythefield Country Club (par 71), a Grand Rapids nel Michigan. Concluse le 72 buche alla pari con la spagnola Carlota Ciganda (267 - 65 69 66 67), l’ha poi superata con un birdie alla prima buca di spareggio. Ha occupato la terza posizione con 269 (-15) l’altra coreana In Gee Chun, in vetta dopo tre giri insieme a Lexi Thompson, campionessa uscente, e quarta con 270 (-14) alla pari con la neozelandese Lydia Ko, numero uno mondiale. Al sesto posto con 271 (-13) la coreana So Yeon Ryu, al settimo con 272 (-12) la cinese Shanshan Feng e al nono con 274 (-10) la giapponese Haru Nomura e la cinese Xi Yu Lin. Sotto tono le prestazioni della thailandese Ariya Jutanugarn, 18ª con 277 (-7), reduce da tre vittorie consecutive e da un terzo posto nelle ultime quattro uscite, e della canadese Brooke M. Henderson, numero due del Rolex Ranking, 21ª con 278 (-6). Sei Young Kim, 23enne di Seoul, ha centrato il quinto tiolo nel circuito per un palmares in cui figurano anche cinque vittorie nel tour coreano. Ha girato in 68 (-3) colpi con quattro birdie e un bogey, segnato sull’ultima buca, con cui ha concesso il playoff a Carlota Ciganda, rinvenuta con un 67 (-4, con quattro birdie). Alla prima buca supplementare, però, la coreana ha posto la palla a meno di un metro dall’asta e ha firmato il birdie che le ha assicurato un assegno di 300.000 dollari su un montepremi di due milioni di dollari Erano uscite al taglio le due azzurre in gara, Giulia Sergas, 107ª con 145 (73 72, +3), e Giulia Molinaro, 135ª con 149 (76 73, +7).
Abbonati alla newsletter e/o al magazine
20 giugno 2016